Subscribe to RSS Feed
get latest updates on
site news and site posts

Adattarsi, improvvisare e raggiungere lo scopo

Adattarsi, improvvisare e raggiungere lo scopo

Di Riccardo Meacci.

La vita non è mai come uno la vorrebbe e soprattutto e
maledettamente corta.

Non voglio entrare in gara con il buon vecchio Leopardi
ma… non sono molto ottimista.

In breve Leopardi diceva che l’uomo (e naturalmente anche
la donna) è infelice da quando ha perso la sua innocenza
ed a cominciato ad indagare sulla verità della cose (fase
1 pessimismo storico).

Partendo da questo, come unica
soluzione l’uomo (e naturalmente anche la donna) prova
ad uscire da questa condizione di infelicità attraverso una
costante, spasmodica, continua ricerca del piacere…. mi
sembra chiaro che quando questa scimmia si fa troppo
grande rimane solo patimento (fase 2 o del pessimismo
psicologico).

Questo povero uomo (ma anche povera
donna) tira i conti e si rende conto alla fine che per quante
cose belle, per quanto piacere abbia avuto nella sua vita le
cose negative sono sempre molte di più (fase 3 pessimismo
cosmico).

Come abbia fatto Leopardi ad elaborare questo trittico
senza aver vissuto gli anni ottanta prima, quella sporca faccenda
di ‘Manipulite’ dopo e l’era dell’unto dal signore poi,
sinceramente non lo so.

Partendo da questa posizione che oggi potremmo chiamare
di pessimismo ‘estremo’ o ‘radicale’ è difficile trovare una
via di uscita.

Il fatto di vivere in un ambiente ostile non deve avvilirci ma
spingere a cercare le poche cose positive, sfruttarle a nostro
vantaggio e poi condividerle con altri bisognosi.

Il trucco per sopravvivere alla vita (come diceva coso) è tutto qua.

La vita è un gioco con regole nebulose e con arbitri corrotti, alla conclusione del gioco la fine è la stessa
per tutti..quindi:
1) Perché provocare dolore agli altri per ottenere dei vantaggi?
2) Perché riempire la testa degli altri con invenzioni metafisiche approfittando di momentanei istanti di debolezza?
3) Perché tutto questo odio?
4) Perché non mi ami?
5) Perché tutto il tempo che passo lavorando non mi gratifica ne economicamente ne moralmente?
6) Perché sono morti Rino Gaetano, Joe Strummer e John Lennon ed invece SB, GWB e PF no?
7) Perché la domande ‘Quanti siamo e dove andiamo sono rimaste invariate nei secoli mentre la tariffa non è più di tre fiorini?

Dopo questo pateracchio prenatalizio(per chi scrive naturalmente), voglio lasciarvi con quello che è secondo i Monthy Python il senso della vita:
‘Il senso della vita. Beh non è niente di speciale. Siate gentili con il prossimo, non mangiate i grassi, leggete un buon libro, fate passeggiate e cercate di vivere in pace ed armonia con gente di ogni fede o nazione.’

Vi auguro di raggiungere il vostro scopo nella vita.

Baci ed abbracci
il vostro Riccardo Meacci

Per analisi finanziarie, massaggi ai piedi e
aforismi: sono_io_dai@hotmail.com
Per un po di sano punk-rock vecchia
maniera: Myspace.com/unknownbandofthe3990s

Salva l’articolo in formato PDF ( tasto destro -> salva con nome )

Comments

comments

Vuoi dire la tua?fallo qui sotto!

Nome o nickname *
Mail( non la pubblicheremo ) *
se hai un sito web...scrivilo!